6 dicembre
SAN NICOLA DI BARI
(Vescovo)

S. Nicola fu uno dei pi¨ illustri santi che fiorirono nella Chiesa orientale nel secolo IV. Nativo di Pataro nella Licia, dimostr˛ fin da bambino di essere predestinato a grandi cose. Prestissimo si innamor˛ della vita religiosa, e si ritir˛ in un monastero nelle vicinanze di Mira.

Mirabili furono quivi i suoi slanci d'amore al Signore ed il progresso quotidiano nella virt¨. Praticava la caritÓ materiale e spirituale verso il prossimo, e di lui rimase celebre il seguente fatto.

Trovandosi tre giovanette in grave pericolo di perdere l'innocenza, non potendo a causa della loro povertÓ trovare un onesto collocamento, per tre notti consecutive Nicola si port˛ vicino a quella casa, ed ogni volta vi gett˛ dalla finestra una borsa contenente il necessario per la dote di una figlia.

La sua grande devozione lo spinse a visitare la Terra Santa. Durante il viaggio, quando la nave su cui era montato si trovava in alto mare, si scaten˛ una tempesta tale che i marinai disperavano della salvezza.

Ma Nicola, rassicuratili, si mise in ginocchio: ed il mare divenne calmo e si arriv˛ felicemente in porto. Ritornato dal pellegrinaggio, trov˛ vacante la sede episcopale di Mira, capitale della Licia. Nicola, giÓ celebre per i suoi miracoli e per la sua vita esemplare, fu eletto ad occupare quella sede, e la resse sapientemente per molti anni. Fu grande benefattore dei poveri, padre degli orfani, sostegno delle vedove.

Durante la persecuzione di Diocleziano, fu deportato e confinato. Restituita la libertÓ alla Chiesa, il santo vescovo ritorn˛ tra il suo popolo. Partecip˛ al Concilio Ecumenico di Nicea ed ebbe parte assai attiva nella confutazione di Ario.

Il Signore lo preavvis˛ della prossima sua morte ed il Santo, raccomandatosi alle preci del suo buon popolo, radun˛ il clero, e prese a recitare il salmo: In te Domine, speravi, fino al versetto: In manus tuas, commendo spiritum meum, e col sorriso sulle labbra, spir˛. Era l'anno 342.

Il suo corpo si conserva a Bari, nella Basilica del suo nome.
 

(www.santodelgiorno.it)
Pubblicato il 07/03/2017